Resta collegato

Mercoledì, 17 Maggio 2017 09:52

Dobbiamo essere coerenti!

Vota questo articolo
(0 Voti)

Pubblichiamo una nostra traduzione dell'articolo "¡Seamos coherentes!" apparso sul sito cileno Acción Familia pochi giorni prima che il Senato cileno approvasse il 9 maggio i tre casi previsti dal disegno di legge che legittima il ricorso all’aborto ovvero nel caso in cui «l’embrione o il feto presenta un’alterazione strutturale congenita o genetica letale», se «la gravidanza è frutto di una violenza sessuale e il periodo di gestazione non è superiore alle 12 settimane» o «se la gravidanza costituisce un pericolo per la salute della donna».  

*** 

Migliaia di cileni sono uniti nella difesa degli indifesi, nella protezione dei bambini e del nascituro.Ci schieriamo dalla parte di coloro che sono vittime della tirannia abortista, del cinismo e dell'ipocrisia del medico statale.

Tuttavia, non dobbiamo ingannare noi stessi, i rischi sono troppo alti. Non riusciremo mai a vincere questa battaglia se non attacchiamo la cultura della morte alla radice.

Per essere veramente e coerentemente a favore della vita, non basta opporsi all'aborto. Dobbiamo anche combattere:

1) Il permissivismo morale

La fornicazione e l'adulterio rompono i legami sacri che legano la sessualità umana alla procreazione e alla famiglia. L'aborto è la garanzia ultima della libertà sessuale sterile e senza vita: il piacere carnale assoluto e inconsistente dell’ "amore libero", privo della responsabilità e dell’impegno del matrimonio. Come dichiarò Papa Pio XII, "Solo il matrimonio salvaguarda la dignità del marito e della moglie e il loro buono stato, ed è per sua natura l'unica garanzia del benessere dei bambini". Una volta che l'immoralità sessuale stacca l'atto coniugale dal suo scopo divinamente ordinato, quello cioè di difendere la santità della vita, dobbiamo difendere il sacro patto del matrimonio.

2) La contraccezione

La contraccezione facile porta logicamente all’ aborto su richiesta. Le coppie che fanno uso di contraccettivi sono molto più propense a ricorrere all'aborto in caso di una gravidanza non pianificata, come mezzo di controllo delle nascite dopo il concepimento. In effetti, la maggior parte dei contraccettivi moderni sono abortivi, ovvero abortano il feto.

Come proclamò Papa Paolo VI nella sua enciclica Humanae vitae contro l'aborto, "Ogni atto matrimoniale deve rimanere aperto alla trasmissione della vita". Dal momento che la mentalità contraccettiva alimenta l’aborto, per opporsi al massacro dell'aborto in modo efficace, dobbiamo opporci la mentalità pro-aborto della contraccezione.

3) L'eutanasia

Se l'uomo non difende ogni vita umana innocente come sacra e inviolabile, la vita di nessuno sarò al sicuro. Così come il bambino indifeso nel grembo di sua madre viene immolato all’auto-condiscendenza della nostra cultura della morte, la vita deteriorata o avanti negli anni dei nostri pazienti cadrà vittima degli stessi falsi dei. Come avvertì Papa Giovanni Paolo II, " Ulteriori ritardi e negligenze si potrebbero tradurre nella soppressione di un incalcolabile numero di vite umane, e in un ulteriore e grave degradarsi a livelli sempre più disumani di tutta la società ".(1)

Dal momento che l'olocausto dell'aborto porta inevitabilmente all’olocausto all'eutanasia, per difendere ogni vita umana innocente, dobbiamo opporci l'aborto, all'infanticidio e all'eutanasia, senza compromessi o eccezioni.

Conclusione

Per essere a favore della vita, dobbiamo combattere il permissivismo morale, la contraccezione, la pornografia e l'eutanasia con la stessa  coerenza e la stessa vigilanza costante con la quale ci opponiamo all'aborto.

Come ci ricorda Il Santo Padre, "La fedeltà è la coerenza. Vivere in accordo con quanto si crede. Ordinare la propria vita con l’oggetto della propria adesione. Accettare piuttosto incomprensioni e persecuzioni, ma non permettere mai dissociazioni tra ciò che si vive e ciò che si crede: questo è la coerenza”.(2)

Che Maria, nostra Madre, esempio vivo di fedeltà a Cristo, ci aiuti a essere testimoni coerenti con la legge di Dio in tutto ciò che facciamo.

 

1. Discorso di Giovanni Paolo II ai partecipanti al 54° Corso di aggiornamento Culturale organizzato dall'Università Cattolica del Sacro Cuore, 6 Settembre 1984.

2. Omelia di Giovanni Paolo II, Città del Messico, Cattedrale Metropolitana, 26 gennaio 1979.

Letto 81 volte Ultima modifica il Mercoledì, 17 Maggio 2017 10:32

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Console Debug Joomla!