Resta collegato

Lunedì, 22 Maggio 2017 08:08

La Vita non si tocca!

Vota questo articolo
(3 Voti)
Pubblichiamo in anteprima un nostro articolo sulla Marcia per la Vita di Roma che comparirà nel prossimo numero della Rivista (Voglio Vivere N° 49 - Giugno 2017)
 
 
di Maria Virginia di Mauro
 
In occasione della marcia per la vita promossa nella città di Roma da codesto comitato, il Santo Padre Francesco è lieto di far pervenire ai partecipanti il suo saluto e auspica che l’evento possa favorire l’adesione ai valori della vita umana e l’accoglienza di tale incommensurabile dono divino in tutta la sua affascinante ricchezza, nell’assicurare un ricordo nella preghiera, sua Santità invia l’implorata benedizione apostolica”. (Cardinale Pietro Parolin Segretario di Stato di Sua Santità)
 
Con queste parole Papa Francesco ha salutato e benedetto il Comitato Organizzatore della Marcia per la Vita e tutti i suoi partecipanti. La Marcia, che si è svolta sabato pomeriggio 20 maggio, è giunta ormai alla sua VII edizione, divenendo un appuntamento consolidato per la Città eterna.
 
SIAMO TANTISSIMI!
Il corteo, partito da piazza della Repubblica, si è concluso a piazza Madonna di Loreto. «La piazza è piena, siamo veramente tantissimi - afferma Virginia Coda Nunziante, presidente del comitato organizzatore -. Il popolo della vita vuole essere una presenza positiva che si fa carico di difendere non solo il valore della vita in quanto dono gratuito ed esclusivo di Dio, ma anche tutti coloro che, deboli o indifesi, non possono reagire e vengono scartati dalla nostra società edonista».
 
Come sempre, ad aprire la Marcia coppie giovani coi passeggini, bambini su un trenino gommato, ragazzi, universitari, suore, sacerdoti e associazioni provenienti da ogni parte d’Italia insieme a delegazioni straniere di diversi paesi del mondo. Migliaia di persone vi hanno preso parte e come ogni anno Generazione Voglio Vivere è stata presente con una sua delegazione.
 
"La Vita non si tocca". È questo Il messaggio partito da Roma e rivolto alle istituzioni. C’è anche un cartellone che si appella al Presidente Mattarella: «Fermi la legge sul biotestamento prima che diventi eutanasia legalizzata». Un cartello che ricorda il dramma di Eluana Englaro «vittima innocente». Tra i partecipanti anche il cardinale Raymond Leo Burke, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò e il vescovo Athanasius Schneider.
 
TESTIMONIANZE PER LA VITA
Dal palco si sono alternate diverse testimonianze per la vita. C’è Katia, della Comunità Giovanni XXIII, che racconta di sua mamma, all’epoca dodicenne, violentata dal compagno. Una mamma bambina che resiste ai brutali tentativi di aborto domestico.
 
Oggi Katia aiuta le ragazze immigrate ad abbandonare il marciapiede e a salvare i loro bambini. C’è Roberto, in coma dopo un incidente, dato per morto dai medici, oggi convinto militante antieutanasia. L’imprenditore Roberto Brazzale, vicentino, che premia con un bonus bebè ogni lavoratrice che aspetta un bambino. Il professor Stephane Mercier, dell’Università Cattolica di Lovanio in Belgio, licenziato per aver trattato in classe il tema dell’aborto definendolo “l’omicidio di una persona innocente. E un omicidio particolarmente abietto, perché  l’innocente è senza difese”. Applauditissima infine Gianna Jessen, nata a Los Angeles nel 1977 nonostante l’aborto salino al settimo mese che doveva eliminarla. «Alle femministe chiedo: se difendete i diritti delle donne, dove erano i miei diritti quella mattina?».
 
Insomma, un evento straordinario che ha voluto mandare un messaggio netto all’opinione pubblica alla quale si chiede di non dimenticare i 50milioni di aborti che ogni anno avvengono nel pianeta e di scendere in piazza per dire basta a questo massacro. Centomila invece gli aborti chirurgici che ogni anno vengono praticati in Italia. Un numero di per sé spaventoso al quale però va sommato quello di altre centinaia di migliaia di interruzioni di gravidanza praticate attraverso le diverse pillole abortive.
 
LA NOSTRA META
A concludere dal palco è stata Virginia Coda Nunziante, che ha indicato la meta finale di questa battaglia: l’abrogazione della legge 194 e la destinazione dei 250 milioni attualmente spesi per finanziare pubblicamente l’aborto, a sostegno della maternità. “Non ci può essere alcun compromesso con il male”, ha ribadito, “se la vita è un valore non negoziabile non possiamo negoziare sull’aborto”.
Letto 924 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Maggio 2017 21:14

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Console Debug Joomla!