Resta collegato

Mercoledì, 31 Maggio 2017 13:00

Dirigenti della Planned Parenthood scherzano su come fanno a pezzi i feti

Vota questo articolo
(11 Voti)

Il Center for Medical Progress ha pubblicato un nuovo reportage sullo scandalo che da quasi due anni vede coinvolto il colosso americano degli aborti, la Planned Parenthood, al centro di un disgusto commercio di organi di feti abortiti.

Nel nuovo video girato segretamente, diversi manager della Planned Parenthood scherzano su come fanno a pezzi i neonati e ammettono che la vendita di organi di feti abortiti è redditizia.

Proprio su questo immondo commercio Generazione Voglio Vivere aveva pubblicato nel 2015 un ampio Dossier sul numero di Ottobre della sua Rivista. Per caso questa notizia è apparsa sui più importanti quotidiani italiani o al telegiornale?

Ovviamente No!

Il video riporta gli interventi e le presentazioni fatte durante uno degli incontri annuali che organizza, in segreto, la Federazione Nazionale dell’Aborto degli Stati Uniti (NAF). Circa il 50% dei membri e dirigenti della NAF è anche membro di Planned Parenthood.

La Dottoressa Lisa Harris, Direttrice Medica di Planned Parenthood nel Michigan, è la prima ad apparire nel video e ad ammettere che «Le nostre storie in realtà non hanno molto a che fare con gran parte del discorso e della retorica pro-choice (pro-aborto), non è vero?».

La Dottoressa si riferisce a quello che accade nelle loro cliniche, veri e propri mattatoi dove i bambini vengono smembrati pezzo dopo pezzo…

«Le teste (dei feti) si bloccano e non riusciamo a farle uscire», racconta alla platea la Harris provocando una risata generale tra i partecipanti all’incontro. Storie del genere «fanno parte della nostra esperienza. Però non esiste un luogo adatto dove poterle condividere».

Si rimane inorriditi dinanzi all’insensibilità e alla freddezza di certi racconti. Come quello ad esempio della Dott.ssa Uta Landy, la quale ha fatto ridere il pubblico presente in sala per aver ricordato un episodio in cui "un occhio (del feto che stava smembrando, ndr) cadde sopra il mio grembo. Che schifo!".

Fare a pezzi un bambino…è questo il loro lavoro! È questa la realtà dell’aborto!

La Dott.ssa Susan Robinson, che effettua aborti presso la clinica della Planned Parenthood nel Mar Monte, in California, ci ha tenuto a precisare che «il feto è un piccolo oggetto robusto, e farlo a pezzi, voglio dire, farlo a pezzi il primo giorno è molto difficile».

Un verità talmente brutale che la stessa Dott.ssa Lisa Harris è costretta ad ammettere «che qui c’è violenza» e che il concepito «è una persona» che viene uccisa.

Nel video si vede anche la Dott.ssa Ann Schutt-Aine, Direttrice dei Servizi per l’Aborto della Planned Parenthood nella Costa del Golfo, la quale ha confidato che se durante un aborto chirurgico si accorge che sta per comparire l'ombelico del bambino «potrei chiedere una seconda serie di pinze per tenere il corpo dentro il collo dell’utero e staccare una gamba o due, affinché in questo modo non si tratti di un aborto a nascita parziale», proibito dalla legge degli Stati Uniti. 

Cos’altro aggiungere?!

A proposito della compravendita di organi di feti abortiti, Deb VanDerhey, Direttrice Nazionale del CAPS della Planned Parenthood Federation of America, ha affermato che alcune cliniche della sua organizzazione «potrebbe voler» vendere organi e tessuti di bambini abortiti «per aumentare il loro reddito. E non li possiamo fermare».

Un ammissione di colpa che fuga ogni dubbio a riguardo: queste persone vanno fermate e messe in galera.

 

Samuele Maniscalco

FONTE: infocatolica.com 

 

Letto 9428 volte Ultima modifica il Mercoledì, 31 Maggio 2017 17:10

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Console Debug Joomla!