fbpx

Resta collegato

Mercoledì, 14 Novembre 2018 23:50

L’ombra fredda dell’eutanasia presto colpirà chiunque. Dobbiamo resistere

Vota questo articolo
(1 Vota)

Samuele Maniscalco

La settimana scorsa la Corte di Cassazione, confermando la condanna di un uomo di 88 anni per aver ammazzato la moglie ricoverata per Alzheimer, ha sentenziato che non esistono attenuanti per chi uccide un malato grave.

Letta così la notizia sembra fantastica, ma….la verità è ben altra!

Quello che asserisce veramente la Consulta è che se ammazzi una persona fuori dagli ospedali e non nel rispetto delle procedure della legge è un reato riprovevole. Se lo fai nelle strutture deputate e i tutti i crismi di legge è un diritto e viene inteso come conquista sociale. (1) È l’ombra fredda dell’eutanasia che presto colpirà tutti noi.

Ne sanno qualcosa in Canada dove recentemente il cardinale Collins, parlando a una cena pubblica a Toronto a 1.600 partecipanti ha detto:

L'”ombra fredda” dell’eutanasia, anche per i minori, e senza il consenso dei genitori, si sta diffondendo. Dobbiamo resistere. Il tempo per la revisione della legge federale sull’eutanasia è finito, e c’è una grande pressione per eliminare le cosiddette ‘salvaguardie’ che hanno fatto sembrare la cosa non così terribile. Una di queste garanzie è che l’eutanasia deve essere solo per gli adulti. Ora sentiamo argomentazioni secondo cui il concetto di “adulto” deve essere reso così elastico che anche i minori possano beneficiare dell’eutanasia, anche senza il consenso dei genitori.

E sapete da dove parte tutto? Dal testamento biologico:

A dicembre, un comitato governativo dovrebbe presentare una relazione che esamini l’estensione del suicidio assistito ai giovani al di sotto dei 18 anni, ai pazienti psichiatrici e agli adulti consenzienti che consegnino un testamento biologico per essere eutanasiati nel caso in cui diventino incapaci a causa di malattia o patologia. (2)

Iniziano ad apparire però anche i primi casi – sempre troppi pochi comunque – di medici processati per omicidio. La notizia viene dall’Olanda.

Il caso riguarda una dottoressa che ha assassinato con l’eutanasia una donna demente di oltre 80 anni che aveva chiesto di non morire: è stata drogata di nascosto e poi tenuta ferma dai suoi familiari (!) mentre le veniva praticata l’iniezione letale. (3)

Dal 2017 in Olanda è legale uccidere i malati di demenza in stato avanzato, a patto che abbiano lasciato un testamento biologico chiaro. Ma si vede che nemmeno così si è veramente tutelati….

Ancora una volta, tutto ha inizio dal testamento biologico!

In Italia, il nostro corrispettivo sono le DAT: le Dichiarazioni anticipate di trattamento. Si vede però che non sono abbastanza: a solo un anno dalla loro approvazione, si è formata in Parlamento un’alleanza trasversale per approvare una legge che ampli ancora di più le maglie dell’eutanasia nella nostra Nazione.

Note

  1. Legge sì, pietà no: i sofismi mortali della Cassazione, La Nuova Bussola Quotidiana 10-11-2018
  2. Card. Collins: L'”ombra fredda” dell’eutanasia, anche per i minori, e senza il consenso dei genitori, si sta diffondendo. Dobbiamo resistere, Il blog di Sabino Paciolla 11-11-2018
  3. Olanda, eutanasia. Per la prima volta un medico sarà processato per omicidio, Tempi 10-11-2018
Letto 153 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Novembre 2018 00:12

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!