fbpx

Resta collegato

Notizie

Notizie (90)

Mercoledì, 14 Marzo 2018 12:34

Framementi di Luce contro l'aborto

Molto volentieri riceviamo e pubblichiamo alcune poesie scritte da don Giuseppe Magrin che hanno per tema l'aborto. Ciascuna di esse è preceduta da una contestualizzazione per meglio apprenderne la genesi. Il messaggio suona forte e chiaro: la cosiddetta 'interruzione di gravidanza', voluta e non subita, è sempre l'omicidio di un essere innocente. Attraverso la poesia, don Magrin fa riscoprire a molti verità innegabili, Frammenti di Luce: non a caso l'intera raccolta di versi porta questo nome.
 

 
PERCHÉ NON SONO NATO CAGNOLINO?
 
Contestualizzazione: Padova 2004. Nell’estate precedente erano stati esposti in tutte le città d’Italia grandi “porsters” che dicevano: Abbandonare un cane in tempo di villeggiatura “per la legge è reato e per l’umanità una vergogna”. Pensando a tutta la trafila legale su aborti e manipolazioni genetiche varie, non potevo non reagire come uomo, innanzitutto, disgustato dell’insipienza di tanti millantatori, che parlano come fossero “persone d’alto livello scientifico”. Non si capisce perché gli “umani” non debbano essere rispettati almeno quanto i cani, fin dal concepimento. È il bambino abortito che parla ai genitori…
 
 
Mamma, papà
dal mondo dove vivo
ancora vi domando
perché m’avete spento
a nove settimane
dal mio concepimento…
 
Non volevo morire ancora prima
di nascere
e vi scuotevo le manine in germe
ed i piedini 
e urlavo il mio silenzio
inutilmente
né valse il ricordarvi
il primo bacio che vi deste in fronte.
 
Cattivi consiglieri 
v’hanno aiutato a condannarmi a morte
ed il chirurgo
mi raschiò via dal grembo
come si raschia il fondo d’un paiolo.
Ero forse una crosta 
in più 
rimasta al fondo dell’amore vostro?
 
Povera mia testina frantumata
e risucchiata come spazzatura
con tecnica e premura,
violenza rivestita
di bianchi camici
ed impunita.
Mamma, papà 
perché m’avete fatto e poi distrutto?
Ditemi il male che ho commesso, ditemi
che ho fatto a voi ed alla società?
 
Embrione appena
ero già vita umana irreversibile
benché invisibile
ero persona come nonno e nonna,
come la sorellina 
e il fratellino
che ride e v’accarezza 
dal suo lettino.
 
Non ero né ammalato né deforme
né questo basta per rifiutarmi amore;
e quando percepii che il mio destino
era segnato
non vi chiedevo
che d’ospitarmi in grembo
per nove mesi e d’essere adottato
dove la vita è attesa come un sogno.
 
Avrei veduto anch’io un pò d’azzurro
le nuvole e gli uccelli
in libertà
i pulcini che seguono
la chioccia
dolce, sollecita
ed i gattini 
che allattano alla mamma
mentre pulisce
i loro corpiccini.
 
Ora per voi non sono
che l’ombra errante
d’una coscienza infranta,
ormai smarrita!
Ma che vuol dire aborto terapeutico
disagio psicologico
fecondazione omologa, eterologa
od assistita
ed embrione
manipolato per guarire gli altri?
 
Mamma, perché
l’abbandonare un cane nell’estate
per la legge è reato
e per l’umanità
una vergogna
ed espellere un feto di tre mesi
o un embrione appena concepito
non è reato 
e per l’umanità non è vergogna?
 
Legge sinistra che proteggi i cani
e uccidi i feti
e gli embrioni umani
legge ammantata
di scientificità
che ci rifiuta d’essere persone,
per te non siamo che un oggetto freddo
di sperimentazione
semplice materiale farmaceutico!
 
Cuori omicidi siete
e tali rimanete
voi, genitori miei,
che dall’eterno attendo
e guarderò negli occhi
con lacrime d’amore e compassione
voi
e chi propose e chi firmò la legge
chi vi protegge
gente perbene col sorriso in volto
che preferisce ai bimbi i cagnolini.
 
 
 
CHE BRIVIDO QUEI RESTI
 
Contestualizzazione: Roma. 2009.03.31. Per quanto si potessero trovare giustificazioni pietose per l’aborto, il grido delle Sessantottine: “La pancia è mia”, nelle dimostrazioni di piazza appoggiate da diversi movimenti politici, faceva  rabbrividire. E fa rabbrividire anche oggi  chi … lavorando in cliniche ospedaliere, deve “sbrigare via”  ciò che ne “resta”… di quei corpicini. “Sono brividi, solo brividi che provo” - mi diceva un “addetto” di un Ospedale – e non mi  è possibile un’incoscienza che rimuova l’assurdità di ciò che quotidianamente vedo fare dal grembo materno al deposito rifiuti”… In verità, anche noi, non del tutto bestie, solamente passando vicino a una clinica dove si pratica l’aborto, ci sentiamo schiantati quanto quei feti… D’istinto ci verrebbe  la voglia di “vendicare” altrettanto drasticamente, chi non “ha avuto voce”... E non capiamo che perfino un Presidente della Repubblica, tutore dei diritti dei cittadini, non si pronunci, avallando una “mattanza” quotidiana di esseri umani. Né si dica che si diventa persone al terzo mese dal concepimento o, addirittura,  al momento della nascita... Reattivamente, stanno sorgendo in Italia, Aggregazioni filantropiche  che una volta al mese s’interessano almeno della sepoltura dei feti abortiti “convertendo” l’ingiustizia umana in una giustizia meno disumana…. I credenti di qualsiasi fede, si affidano  ai “tempi lunghi” di una Giustizia divina, che è capace di “scuotere come un terremoto” chi, paladino dei diritti umani, non si muove a “difesa della vita fin dal concepimento” .
 
 
Che brivido quei resti dentro un freezer 
i tanti corpicini di abortiti
rinchiusi alla rinfusa e abbandonati, 
nell’Isolato in fondo all’Ospedale!
 
Suasivamente condannati a morte 
e maciullati, giacciono ora là
quasi tossiche scorie d’una pancia 
come rifiuti senza una discarica !
 
Progresso atroce delle leggi umane
che fa d’un assassinio un pio diritto
e del massacratore un impunito,
e nega ai feti un fiore ed una tomba.
 
Ad ogni mese anonimi filantropi
vanno e con deferenza li compongono
offrendo una preghiera e li depongono
nel grembo meno acre di madreterra.
 

(Da:   Giuseppe Magrin,  Frammenti di Luce    Ed. Elledici-Velar , 2005)

di Samuele Maniscalco

Un altro inquietante salto nel buio è stato compiuto negli esperimenti di ingegneria genetica: la produzione di embrioni di pecora contenenti cellule umane.

La raccapricciante notizia arriva dal meeting annuale della American association for the advancement of science tenutosi in Texas.

Pablo Juan Ross, del Dipartimento di scienze animali dell’Università della California di Davis, ha presentato i dati preliminari di una ricerca nella quale sono stati prodotti embrioni ibridi interspecie, inclusi quelli di pecora con cellule staminali pluripotenti umane.

L’obiettivo dichiarato - di quelli che in teoria dovrebbe “giustificare” aberrazioni del genere – è la produzione all’interno degli animali di organi da trapiantare. Nel caso concreto, un pancreas per pazienti diabetici.

Dunque, meno di un mese dopo la clonazione di due macachi e meno di un anno dopo la realizzazione di un embrione ibrido uomo-maiale (per mano dello stesso gruppo di scienziati) arriva adesso l’embrione di pecora con cellule umane.

Nel caso dell’ibrido uomo-maiale le cellule umane erano una su 100.000. In quello uomo-pecora siamo già scesi a una cellula umana su 10.000...

L’embrione è stato lasciato crescere per 28 giorni, di cui 21 nell’utero dell’animale.

È evidente che tutto ciò pone e porrà sempre di più delle enormi questioni morali sulla liceità di questi esperimenti, anche perché la proporzione di cellule umane utilizzate non farà che aumentare.

L’ha confermato lo stesso Pablo Ross:

«Le cellule umane si sono riprodotte, anche se per arrivare alla possibilità di ottenere un intero organo servirebbe un rapporto di una cellula umana ogni 100 di animale» 

E qui arriviamo al punto: per capire se la ricerca può dare risultati è ovvio che ci si spingerà fino a far nascere la creatura così assemblata, qualunque cosa essa sia.

La comunità scientifica non si rende conto dell’impressionante precipizio verso cui ci stiamo pericolosamente approssimando?

Interrogato a tal riguardo Alessandro Nanni Costa, responsabile del Centro nazionale trapianti, afferma:

«Come si fa a essere certi che nell’animale crescerà l’organo desiderato e con le caratteristiche necessarie? E le cellule umane inserite nell’embrione ovino dove vanno a posizionarsi? Non risultano tecniche di controllo sulla loro destinazione, tali almeno da evitare che entrino a far parte ad esempio del sistema nervoso della pecora» 

Tutto ciò suscita gravissime preoccupazioni antropologiche ed etiche che in molti però non vogliono vedere.

Quando nel 1818 Mary Shelley pubblicò il romanzo Frankenstein, o il moderno Prometeo non poteva di certo prevedere che esattamente 200 anni dopo l’umanità sarebbe caduta così in basso svilendo la sua stessa natura mischiandola con quella di un animale.

O forse l’aveva previsto e proprio per questo aveva lanciato un grido di allarme rimasto purtroppo inascoltato.

di Generazione Voglio Vivere

 

Dopo appena cinque giorni dall’entrata in vigore della legge sul biotestamento ecco il primo caso di applicazione della norma approvata il 14 dicembre scorso al Senato.

Si tratta della signora Patrizia Cocco, 49 anni, di Nuoro, da cinque anni in lotta con la Sla, alla quale è stata staccata la ventilazione meccanica che la teneva in vita.

Prima che l’attuale legge entrasse in vigore, per farsi “staccare la spina” era necessario trovare un medico concorde nel giudicare non più proporzionato il trattamento.

Adesso, invece, il medico è obbligato dalla legge a eseguire le volontà del paziente senza possibilità di appellarsi all’obiezione di coscienza.

Nella fattispecie di Nuoro, inoltre, siamo di fronte a un caso che va oltre quanto stabilito dalle “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, per cui il paziente può chiedere l’interruzione di idratazione e nutrizione assistita, ma non della ventilazione assistita.

Ovviamente nessuno si straccerà le vesti. Se un paziente può rifiutare acqua e cibo, perché non può rifiutare anche di essere ventilato? 

E' la ratio della legge, niente di più semplice.

La legge provocherà una diffusione del fenomeno eutanasico e un’impennata dei suicidi nel nostro Paese?

A dispetto di quanto asserito dai promotori del biotestamento SI. Basta osservare quanto sta già accadendo altrove dove leggi simili sono in vigore da più tempo.

In Canada, dopo solo due anni dalla sua legalizzazione, i decessi per eutanasia – secondo le stime ufficiali – hanno raggiunto quota 1.982 per il solo anno 2016-2017.

In Olanda, si è ormai arrivati al 4 per cento dei decessi per eutanasia su tutte le morti (dati del 2016).

Sull’altro versante, poi, si registra già un aumento dei suicidi tout court.

Lo denunciava a suo tempo nel 2015 il Southern Medical Journal attraverso un articolo intitolato "Come la legalizzazione del suicidio assistito influisce sui tassi di suicidio? I tassi di suicidio non assistito in Oregon e a Washington dopo l'approvazione delle leggi sul suicidio assistito”.

Nonostante le affermazioni secondo cui le leggi sul suicidio assistito riducano gli altri suicidi o li sostituiscano, gli autori hanno raggiunto la preoccupante conclusione che è vero “piuttosto che l'introduzione del Pas (Suicidio assistito medico) sembra causare più morti autoinflitte di quante non ne inibisca”.

Dicevamo però dell’attacco all’obiezione di coscienza…

Ebbene, l’Associazione Luca Coscioni – grande promotrice del biotestamento – all’indomani dell’entrata in vigore della legge, non solo gioiva ma invocava denunce penali contro chi in coscienza rifiuterà di uccidere in nome delle nuove disposizioni.

Del resto, la deputata Donata Lenzi (PD) relatrice della legge, in una recente intervista al Quotidiano Sanità ha lasciato chiaro che un medico non può agire in contrasto alla nuova norma sulle DAT perché “in democrazia quella che prevale è la legge”.

Con tanti auguri alla coscienza del singolo individuo che d’ora in avanti dovrà adeguarsi coercitivamente alle direttive di Stato. Quasi fossimo in Cina.

Il 12 novembre del 1988, dunque trent'anni fa, Papa Giovanni Paolo II pronunziò un discorso ai partecipanti al 2° congresso internazionale di teologia morale ribadendo con forza gli insegnamenti contro la contraccezione artificiale contenuti nell'enciclica Humanae Vitae di Paolo VI della quale quest'anno cade il cinquantesimo anniversario della sua pubblicazione. Lo ripubblichiamo integralmente nell'attuale situazione di caos e incertezza insinuatisi tra i cattolici dopo che importanti esponenti del clero hanno a più riprese espresso la loro intenzione di "aggiornare" Humanae Vitae ovvero di legittimare l'uso dei contraccettivi.

***

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI PARTECIPANTI 
AL II CONGRESSO INTERNAZIONALE DI TEOLOGIA MORALE

Sabato, 12 novembre 1988

Con viva gioia rivolgo il mio saluto a voi, illustri docenti, e a voi tutti che avete preso parte al Congresso Internazionale di Teologia Morale, giunto ormai alla sua conclusione. Il mio saluto si estende al signor Cardinale Hans Hermann Groër, Arcivescovo di Vienna, e ai rappresentanti dei Cavalieri di Colombo, i quali col loro generoso contributo hanno reso possibile la celebrazione del congresso.

Una parola di compiacimento va pure all’Istituto di studi su Matrimonio e Famiglia della Pontificia Università Lateranense e al Centro Accademico Romano della Santa Croce, che l’hanno promosso e realizzato.

Il tema che vi ha impegnato in questi giorni, cari fratelli, stimolando la vostra approfondita riflessione, è stata l’enciclica Humanae Vitae con la complessa rete di problemi che ad essa si ricollegano.

Come sapete, nei giorni scorsi si è svolto un convegno, a cura del Pontificio Consiglio per la Famiglia, al quale hanno preso parte, in rappresentanza delle conferenze episcopali di tutto il mondo, i Vescovi responsabili, della pastorale familiare nelle rispettive nazioni. Questa non casuale coincidenza mi offre subito l’opportunità di sottolineare l’importanza della collaborazione tra i pastori e i teologi e, più in generale, tra i pastori e il mondo della scienza, al fine di assicurare un sostegno efficace e adeguato agli sposi impegnati a realizzare nella loro vita il progetto divino sul matrimonio.

È a tutti noto l’esplicito invito che nell’enciclica Humanae Vitae è rivolto agli uomini di scienza, e in special modo agli scienziati cattolici, perché mediante i loro studi contribuiscano a chiarire sempre più a fondo le diverse condizioni che favoriscono una onesta regolazione della procreazione umana (cf. Pauli VI Humanae Vitae, 24). Tale invito ho rinnovato anch’io in diverse circostanze, giacché sono convinto che l’impegno interdisciplinare sia indispensabile per un approccio adeguato alla complessa problematica che attiene a questo delicato settore.

2. La seconda opportunità, che mi si offre, è di dare atto dei confortanti risultati già raggiunti ai molti studiosi che, nel corso di questi anni, hanno fatto progredire la ricerca in questa materia. Grazie anche al loro apporto è stato possibile mettere in luce la ricchezza di verità, ed anzi il valore illuminante e quasi profetico, dell’enciclica paolina, verso la quale volgono l’attenzione con crescente interesse persone delle più diverse estrazioni culturali.

Accenni di ripensamento è possibile cogliere anche in quei settori del mondo cattolico, che furono inizialmente un po’ critici nei confronti dell’importante documento. Il progresso nella riflessione biblica e antropologica ha consentito, infatti, di meglio chiarirne presupposti e significati.

In particolare, deve essere ricordata la testimonianza offerta dai Vescovi nel Sinodo del 1980: essi “nell’unità della fede col successore di Pietro” scrivevano di tenere fermamente “ciò che nel Concilio Vaticano II (cf. Gaudium et Spes, 50) e, in seguito, nell’enciclica Humanae Vitae viene proposto e, in particolare, che l’amore coniugale deve essere pienamente umano, esclusivo e aperto alla vita” (Pauli VI Humanae Vitae, 11 et cf. 9 et 12) (Synodi Episc. 1980 “Propositio 22”).

Tale testimonianza raccolsi poi io stesso nell’esortazione post-sinodale Familiaris Consortio, riproponendo, nel più ampio contesto della vocazione e della missione della famiglia, la prospettiva antropologica e morale della Humanae Vitae nonché la conseguente norma etica che se ne deve trarre per la vita degli sposi.

3. Non si tratta, infatti, di una dottrina inventata dall’uomo: essa è stata inscritta dalla mano creatrice di Dio nella stessa natura delta persona umana ed è stata da lui confermata nella rivelazione. Metterla in discussione, pertanto, equivale a rifiutare a Dio stesso l’obbedienza della nostra intelligenza. Equivale a preferire il lume della nostra ragione alla luce della divina sapienza, cadendo così nell’oscurità dell’errore e finendo per intaccare altri fondamentali capisaldi della dottrina cristiana.

Bisogna al riguardo ricordare che l’insieme delle verità, affidate al ministero della predicazione della Chiesa, costituisce un tutto unitario, quasi una sorta di sinfonia, nella quale ogni verità si integra armoniosamente con le altre. I venti anni trascorsi hanno dimostrato, al contrario, quest’intima consonanza: l’esitazione o il dubbio circa la norma morale, insegnata nella Humanae Vitae, ha coinvolto anche altre fondamentali verità di ragione e di fede. So che questo fatto è stato oggetto di attenta considerazione durante il vostro congresso, e su di esso vorrei ora attirare la vostra attenzione.

4. Come insegna il Concilio Vaticano II, “nell’intimo della coscienza l’uomo scopre una legge, che non è lui a darsi, ma alla quale invece deve obbedire . . . L’uomo ha in realtà una legge scritta da Dio dentro il suo cuore; obbedire è la dignità stessa dell’uomo e secondo questa egli sarà giudicato” (Gaudium et Spes, 16).

Durante questi anni, a seguito della contestazione della Humanae Vitae, è stata messa in discussione la stessa dottrina cristiana della coscienza morale, accettando l’idea di coscienza creatrice della norma morale. In tal modo è stato radicalmente spezzato quel vincolo di obbedienza alla santa volontà del Creatore, in cui consiste la stessa dignità dell’uomo. La coscienza, infatti, è il “luogo” in cui l’uomo viene illuminato da una luce che non gli deriva dalla sua ragione creata e sempre fallibile, ma dalla sapienza stessa del Verbo, nel quale tutto è stato creato. “La coscienza” - scrive ancora mirabilmente il Vaticano II - “è il nucleo più segreto e il sacrario dell’uomo, dove egli si trova solo con Dio, la cui voce risuona nell’intimità propria” (Gaudium et Spes, 16).

Da ciò scaturiscono alcune conseguenze, che mette conto di sottolineare.

Poiché il Magistero della Chiesa è stato istituito da Cristo Signore per illuminare la coscienza, richiamarsi a questa coscienza precisamente per contestare la verità di quanto è insegnato dal Magistero comporta il rifiuto della concezione cattolica sia di Magistero che di coscienza morale. Parlare di dignità intangibile della coscienza senza ulteriori specificazioni, espone al rischio di gravi errori. Ben diversa, infatti è la situazione in cui versa la persona che, dopo aver messo in atto tutti i mezzi a sua disposizione nella ricerca della verità, incorre in errore e quella invece di chi, o per mera acquiescenza alla opinione della maggioranza spesso intenzionalmente creata dai poteri del mondo, o per negligenza, poco si cura di scoprire la verità. È il limpido insegnamento del Vaticano II a ricordarcelo: “Tuttavia succede non di rado che la coscienza sia erronea per ignoranza invincibile, senza che per questo essa perda la sua dignità. Ma ciò non si può dire quando l’uomo poco si cura di cercare la verità e il bene, e quando la coscienza diventa quasi cieca in seguito all’abitudine del peccato” (Gaudium et Spes, 16).

Tra i mezzi che l’amore redentivo di Cristo ha predisposto al fine di evitare questo pericolo di errore, si colloca il Magistero della Chiesa: in suo nome, esso possiede una vera e propria autorità di insegnamento. Non si può, pertanto, dire che un fedele ha messo in atto una diligente ricerca del vero, se non tiene conto di ciò che il Magistero insegna; se, equiparandolo a qualsiasi altra fonte di conoscenza, egli se ne costituisce giudice; se, nel dubbio, insegue piuttosto la propria opinione o quella di teologi, preferendola all’insegnamento certo del Magistero.

Il parlare ancora, in questa situazione, di dignità della coscienza senza aggiungere altro, non risponde a quanto è insegnato dal Vaticano II e da tutta la Tradizione della Chiesa.

5. Strettamente connesso col tema della coscienza morale è il tema della forza vincolante propria della norma morale, insegnata dalla Humanae Vitae.

Paolo VI, qualificando l’atto contraccettivo come intrinsecamente illecito, ha inteso insegnare che la norma morale è tale da non ammettere eccezioni: nessuna circostanza personale o sociale ha mai potuto, può e potrà rendere in se stesso ordinato un tale atto. L’esistenza di norme particolari in ordine all’agire intra-mondano dell’uomo, dotate di una tale forza obbligante da escludere sempre e comunque la possibilità di eccezioni, è un insegnamento costante della Tradizione e del Magistero della Chiesa che non può essere messo in discussione dal teologo cattolico.

Si tocca qui un punto centrale della dottrina cristiana riguardante Dio e l’uomo. A ben guardare ciò che è messo in questione, rifiutando quell’insegnamento, è l’idea stessa della santità di Dio. Predestinandoci ad essere santi e immacolati al suo cospetto, egli ci ha creati “in Cristo Gesù per le opere buone che . . . ha predisposto perché noi le praticassimo” (Ef 2, 10): quelle norme morali sono semplicemente l’esigenza, dalla quale nessuna circostanza storica può dispensare, della santità di Dio che si partecipa in concreto, non già in astratto, alla singola persona umana.

Non solo, ma quella negazione rende vana la croce di Cristo (cf. 1 Cor 1, 17). Incarnandosi, il Verbo è entrato pienamente nella nostra quotidiana esistenza, che si articola in atti umani concreti; morendo per i nostri peccati, egli ci ha ri-creati nella santità originaria, che deve esprimersi nella nostra quotidiana attività intra-mondana.

Ed ancora: quella negazione implica, come logica conseguenza, che non esiste alcuna verità dell’uomo sottratta al flusso del divenire storico. La vanificazione del mistero di Dio, come sempre, finisce nella vanificazione del mistero dell’uomo, ed il non riconoscimento dei diritti di Dio, come sempre, finisce nella negazione della dignità dell’uomo.

6. Il Signore ci dona di celebrare questo anniversario perché ciascuno esamini se stesso davanti a lui, al fine di impegnarsi in futuro - secondo la propria responsabilità ecclesiale - a difendere e ad approfondire la verità etica insegnata nell’Humanae Vitae.

La responsabilità che grava su di voi in questo campo, cari docenti di teologia morale, è grande. Chi può misurare l’influsso che il vostro insegnamento esercita sia nella formazione della coscienza dei fedeli sia nella formazione dei futuri pastori della Chiesa? Nel corso di questi venti anni non sono, purtroppo, mancate da parte di un certo numero di docenti forme di aperto dissenso nei confronti di quanto ha insegnato Paolo VI nella sua enciclica.

Questa ricorrenza anniversaria può offrire lo spunto per un coraggioso ripensamento delle ragioni che hanno portato quegli studiosi ad assumere tali posizioni. Allora si scoprirà probabilmente che alla radice dell’“opposizione” all’Humanae Vitae c’è un’erronea o, almeno, un’insufficiente comprensione dei fondamenti stessi su cui poggia la teologia morale. L’accettazione acritica dei postulati propri di alcuni orientamenti filosofici e l’“utilizzazione” unilaterale dei dati offerti dalla scienza possono aver condotto fuori strada, nonostante le buone intenzioni, alcuni interpreti del documento pontificio. È necessario da parte di tutti uno sforzo generoso per meglio chiarire i principi fondamentali della teologia morale, avendo cura - come ha raccomandato il Concilio - di far sì che “la sua esposizione scientifica, maggiormente fondata sulla Sacra Scrittura, illustri l’altezza della vocazione dei fedeli in Cristo e il loro obbligo di apportare frutto nella carità per la vita del mondo” (Optatam Totius, 16).

7. In questo impegno un notevole impulso può venire dal Pontificio Istituto per studi su matrimonio e famiglia, il cui scopo è appunto di mettere “sempre più in luce con metodo scientifico la verità del matrimonio e della famiglia” e di offrire la possibilità a laici, religiosi e sacerdoti di “conseguire in questo ambito una formazione scientifica sia filosofico-teologica sia nelle scienze umane”, che li renda idonei ad operare in modo efficace a servizio della pastorale familiare (cf. Magnum Matrimonii, 3).

Se si vuole tuttavia che la problematica morale connessa con la Humanae Vitae e con la Familiaris Consortio trovi il suo giusto posto in quell’importante settore del lavoro e della missione della Chiesa che è la pastorale familiare e susciti la risposta responsabile degli stessi laici quali protagonisti di un’azione ecclesiale che li riguarda tanto da vicino, è necessario che istituti come questo si moltiplichino nei vari Paesi: solo così sarà possibile far progredire l’approfondimento dottrinale della verità e predisporre le iniziative di ordine pastorale in modo adeguato alle esigenze emergenti nei diversi ambienti culturali ed umani.

Soprattutto occorre che l’insegnamento della teologia morale nei seminari e negli istituti di formazione sia conforme alle direttive del Magistero, così che da essi escano ministri di Dio, i quali “parlino uno stesso linguaggio” (Pauli VI Humanae Vitae, 28), non sminuendo “in nulla la salutare dottrina di Cristo” (Pauli VI Humanae Vitae, 29).

È qui chiamato in causa il senso di responsabilità dei docenti, i quali devono essere i primi a dare ai loro alunni l’esempio di “un leale ossequio, interno ed esterno, al Magistero della Chiesa” (Pauli VI Humanae Vitae, 28).

8. Vedendo tanti giovani studenti - sacerdoti e non - presenti a questo incontro, voglio concludere rivolgendo anche a loro un particolare saluto.

Uno dei profondi conoscitori del cuore umano, sant’Agostino, scrisse: “Questa è la nostra libertà: sottometterci alla verità” (S. Augustini “De Libero Arbitrio”, 2, 13, 37). Cercate sempre la verità: venerate la verità scoperta; ubbidite alla verità. Non c’è gioia al di fuori di questa ricerca, di questa venerazione, di questa ubbidienza.

In tale mirabile avventura del vostro spirito, la Chiesa non vi è di ostacolo: al contrario, vi è di aiuto. Allontanandovi dal suo Magistero, vi esporrete alla vanità dell’errore e alla schiavitù delle opinioni: apparentemente forti, ma in realtà fragili, poiché solo la verità del Signore rimane in eterno.

Nell’invocare la divina assistenza sulla vostra nobile fatica di ricercatori della verità e di suoi apostoli, imparto a tutti di cuore la mia benedizione.

FONTE: Vatican.va

di Samuele Maniscalco
 
 
Lo scorso venerdì 400.000 persone hanno sfilato a Washington DC, lungo il National Mall, fino al Campidoglio (sede del Congresso degli Stati Uniti d’America).
 
Erano i manifestanti della Marcia per la Vita, evento inaugurato nel 1973 in risposta alla sentenza Roe vs. Wade che legalizzò negli USA l’aborto. Per la prima volta, a prender parte a questa manifestazione, anche un ospite di eccezione apparso in video dalla Casa Bianca: il presidente Donald Trump.
 
«Sotto la mia Amministrazione difenderemo sempre il diritto alla vita», ha dichiarato Trump.
 
Uno dei primissimi atti di questo presidente, un anno fa, fu la firma del bando ai finanziamenti americani per le ONG che praticano o promuovono l’aborto nel mondo. A questo seguì la proibizione di erogare fondi pubblici per l’aborto negli Stati Uniti.
 
Questa settimana Trump ha inoltre creato un nuovo ufficio per «la libertà di coscienza e religiosa» per proteggere medici, infermieri e altri lavoratori del settore sanitario contrari a praticare aborti oppure a operazioni per il cambio di sesso.
 
E recentemente ha dichiarato il 22 gennaio «Giornata nazionale della sacralità della vita».
 
«Voi amate la vostra famiglia, amate il prossimo, amate la nazione, amate ogni bambino, nato e nascituro, perché credete che ogni vita sia sacra, ogni bambino è un prezioso dono di Dio. Noi sappiamo che la vita è il miracolo più grande. Lo vediamo negli occhi di ogni nuova madre che culla il suo meraviglioso, innocente, glorioso neonato nelle sue braccia amorose. (...) Io voglio ringraziare ogni persona qui, oggi, e in tutto il nostro paese che lavora con passione e con devozione infaticabile per permettere ad ogni genitore di godere di tutto l’aiuto necessario per scegliere la vita».
 
Fare previsioni sul futuro dell’amministrazione Trump non è facile, ma nel campo della difesa della vita non si può ignorare il grande impatto benefico che il suo operato sta avendo negli USA e di riflesso nel mondo intero.
 
Quando gli americani iniziarono a marciare contro l’aborto, tutte queste vittorie erano ancora lontane. Ma da allora non hanno mai smesso di crederci. E i risultati oggi sono sotto gli occhi di tutti.
 
Non dovremmo forse seguire il loro esempio?
 
Oggi sono 4 mesi che ci separano dalla nostra Marcia, l’ottava edizione della "Marcia per la Vita" che si svolgerà a Roma il prossimo sabato 19 maggio 2018, a quarant’anni dalla legalizzazione dell’aborto, avvenuta con la legge 194 del 22 maggio 1978.
 
L’obiettivo è quello di vedere un giorno questa legge abrogata. Nel frattempo non dobbiamo perdere la speranza e lottare come se tutto dipendesse da noi, sapendo poi che in realtà tutto dipende da Dio.
Venerdì, 19 Gennaio 2018 00:45

L'obiezione di coscienza negata

di Samuele Maniscalco

Mancano ormai pochi mesi alle elezioni nazionali e ben pochi dei politici eletti nella legislatura appena terminata si sono battuti in difesa del diritto alla vita.

L'ultimo banco di prova è stato concretamente l'approvazione della Legge sul biotestamento, la via italiana all'eutanasia.

Dopo la disfatta del 14 dicembre scorso, i cattolici dovranno adesso valutare molto attentamente chi votare il prossimo 4 marzo.

In questi giorni, oltre al danno si è aggiunta però anche la beffa.

Il Ministro della salute Lorenzin, 'accortasi' (sic!) che la norma sulle DAT non prevede il diritto all'obiezione di coscienza, ha assicurato che incontrerà i responsabili delle associazioni che hanno espresso il loro sgomento per questo vulnus legislativo.

La beffa comunque è maggiore se si pensa che molte delle associazioni che giustamente oggi si battono per vedersi riconoscere un diritto sacrosanto, ieri hanno combattuto poco o nulla contro la legge.

Chi chiede adesso l’obiezione di coscienza senza aver in precedenza lottato, fa pensare che a lui non interessi tanto che la legge sia giusta o ingiusta quanto che preveda la possibilità di obiettare.

Così ognuno potrà comportarsi in coscienza...verrebbe quasi da dire “potrà lavarsi la coscienza”!

Come ha ben sintetizzato Stefano Fontana in un articolo apparso sulla Nuova Bussola Quotidiana il 3 gennaio scorso I parlamentari cattolici che hanno votato questa legge hanno sbagliato. Come pure hanno sbagliato le associazioni cattoliche, come l’Unione dei Giuristi Cattolici, che hanno consigliato i parlamentari di votare sì alla legge”. 

“Se infatti ora si minaccia di fare obiezione di coscienza e si protesta perché la legge non la permette, vuol dire che la legge era ed è da considerarsi ingiusta. Se la legge sulle DAT fosse giusta e votabile anche da un cattolico, non si capirebbe questa richiesta di poter fare obiezione di coscienza”.

La richiesta in sé dell’obiezione di coscienza è doverosa. Non deve però passare l’idea che una legge sia buona se permette l’obiezione di coscienza.

Fontana continua: “La legge non è resa buona o cattiva dall’adesione o meno delle coscienze individuali. La legge è resa buona o cattiva dal fatto che rispetti o meno la legge morale naturale”.

Infine, ammesso e non concesso che l'obiezione di coscienza venisse riconosciuta da una circolare ministeriale, ci troveremmo comunque di fronte a della carta straccia, un atto amministrativo che non avrebbe forza di contrastare le norme di legge.

In caso di contenzioso qualsiasi giudice infatti applicherebbe la norma e non la circolare.

Sia ben chiaro però che l'obiezione di coscienza va fatta anche quando non è prevista dall'impianto normativo di una cattiva legge. Altrimenti saremmo di fronte – come direbbe lo scrittore Sciascia - a dei “quaquaraquà”.

Il riscatto morale e spirituale del mondo cattolico e dei giusti passa da qui: ergersi, rimanere in piedi dinnanzi a un mondo in rovina, ribadendo a parole e con i fatti ai potenti di turno “Non ti è lecito”.

Domenica, 24 Dicembre 2017 00:09

Auguri di un Santo Natale

Generazione Voglio Vivere desidera augurare a tutti voi un Santo Natale.

Queste festività possano essere un periodo propizio per ristorare le forze e da dedicare alle persone care, in modo particolare ai più piccini.

Anche il prossimo anno, con l'aiuto del Bambin Gesù, continueremo a batterci per difendere la sacralità della vita!

Giovedì, 07 Dicembre 2017 23:34

L'Immacolata ci guiderà alla vittoria

di Samuele Maniscalco

Domani si festeggia l'Immacolata Concezione di Maria. Questo dogma, proclamato nel 1854 dal Beato Pio IX, insegna che la Vergine, dal primo istante del suo essere, non ebbe mai alcuna macchia di peccato originale.
 
Etimologicamente, la parola “Immacolata” significa l’assenza di macchie e quindi di ogni e qualsiasi errore, per minimo che sia, e di ogni e qualsiasi peccato, per lieve e insignificante che possa sembrare.
 
La Madonna non rimase perciò soggetta alle miserie e alle cattive inclinazioni che gravano su tutti gli uomini a causa del peccato dei nostri progenitori.
 
Di conseguenza, tutto nella Santissima Vergine tende alla verità e al bene. Ella è la piena di grazia!
 
L'Immacolata rappresenta dunque l’intransigenza assoluta, sistematica, irriducibile, l’avversione completa e profonda ad ogni specie di errore o di male.
 
È quindi la condottiera naturale sotto il cui vessillo combattere la buona battaglia contro la cultura della morte. In primis contro l'aborto, essendo Ella Madre per eccellenza.
 
Se vogliamo perciò farla finita con l'odierna mattanza degli innocenti, dobbiamo innanzitutto rivolgere le nostre preghiere a Lei. 
 
Sotto l'Immacolata la nostra battaglia sarà vittoriosa. L'8 dicembre ricordiamoci di Lei.

di Francesco Mastromatteo


L’Africa è sovrappopolata e va aiutata dando accesso alla contraccezione ai 200 milioni di donne africane che nel 2017 non ce l’hanno ancora.

Questo in sintesi il messaggio emerso dalla conferenza internazionale tenutasi a Londra lo scorso 11 luglio, dove capi di stato e filantropi multimilionari come Bill Gates hanno fatto a gara per promuovere una raccolta di fondi destinata a finanziare la visione dominante tra le classi dirigenti dell’Occidente, per la quale gravidanze indesiderate e mancanza di pianificazione familiare sarebbero alla base della bomba demografica africana, a sua volta la causa dell’esodo migratorio.

Non a caso, nell’occasione sono stati deplorati i tagli decisi dall’amministrazione Trump alle organizzazioni non governative che includono l’aborto nei servizi offerti alle popolazioni locali.

Ma è proprio vero, come sostenuto per esempio dal presidente francese Macron e dal ministro danese per la cooperazione allo sviluppo Ulla Tornaes, che se la popolazione in Africa continuerà a crescere ai ritmi attuali, entro il 2050 gli abitanti del continente raddoppieranno, per cui sarebbe prioritario favorire la riduzione delle nascite?

In realtà, a guardare i dati reali dell’andamento demografico del Continente Nero, le cose stanno diversamente: le donne africane da tempo hanno smesso di generare 7-8 figli. Il tasso di fecondità è sceso sotto il 3% in Nord Africa e sotto il 5% in Africa subsahariana. Anche la densità di popolazione non è catastrofica come sembrerebbe: l’Africa ha 65 abitanti per miglio quadrato, la metà della media mondiale e molto meno rispetto, ad esempio, alle 203 persone per miglio quadrato dell’Asia. Gli africani non sono poveri perché fanno tanti figli: è vero semmai che a causa di tassi di mortalità infantile che si mantengono elevati, dovuti alla mancanza di sistemi di assistenza e previdenza sociale affidabili, per le famiglie africane la prole costituisce una garanzia di sopravvivenza.

A smentire la narrazione neomalthusiana degli occidentali sono gli africani stessi, che come ai tempi delle ingerenze di Obama sulla necessità di introdurre il matrimonio omosessuale negli ordinamenti giuridici dei loro stati, non esitano a denunciare apertamente quella che considerano una vera e propria forma di colonizzazione ideologica, come ha fatto la nigeriana Obianuju Ekeocha, ingegnere biomedico e fondatrice dell’associazione Culture of Life Africa, nata per difendere la sacralità della vita contro la cultura della morte. “La stragrande maggioranza degli africani – ha dichiarato – rifiuta l’aborto e con i pochi fondi a disposizione bisognerebbe migliorare la situazione alimentare, idrica, sanitaria e scolastica dei nostri paesi. Non è con i contraccettivi che usciremo dalla povertà”.

Concetti rilanciati dal professor Anthony Cole, presidente della Medical Ethics Alliance, per il quale sono condizioni mediche sviluppate ed ostetriche che sappiano fare il loro lavoro in condizioni igieniche sane e pulite i metodi per far uscire l’Africa dal sottosviluppo, mentre i milioni di dollari raccolti da governi e ong occidentali vengono spesso usati per sostenere governi corrotti e inefficienti.

“Sinceramente non capisco perché si senta la necessità di garantire alle donne africane il diritto all’aborto – ha ribadito laEkeocha durante un’intervistaalla Bbc - dato che nell’80% dei paesi africani l’aborto è illegale. Non perché non possono legalizzarlo - abbiamo parlamenti e governi in Africa - ma perché la stragrande maggioranza degli africani rifiuta l’aborto. Se la stragrande maggioranza degli africani non vuole l’aborto, non capisco perché l’Occidente dovrebbe spendere soldi per cercare di introdurlo. Quello che la gente vuole e chiede ogni giorno è cibo, acqua, servizi sanitari di base e scuole. Basta parlare con gli africani a casa loro per saperlo”.

La conduttrice australiana Yalda Hakim, presa in contropiede, ha preferito interrompere l’intervista: gli africani veri, evidentemente, non corrispondono troppo a quelli della propaganda ideologica

FONTERivista Voglio Vivere, N°50, Ottobre 2017

Lunedì, 30 Ottobre 2017 22:18

Charlie Gard: vittima di eutanasia di stato

di Federico Cenci

Avrebbe compiuto un anno di vita il 4 agosto scorso, il piccolo Charlie Gard. Ma la sua prima candelina non si è mai accesa, offuscata dalle tenebre dell’abbandono terapeutico e delle sentenze dei giudici.

Il caso del bambino inglese è balzato agli onori delle cronache internazionali nel giugno scorso, suscitando un ampio e acceso dibattito intorno ai temi del diritto alla vita e dell’eutanasia.

Nell’ottobre 2016 al piccolo di appena due mesi, nato sano, viene diagnosticata una forma di sindrome da deplezione del dna mitocondriale, malattiararissima che provocaprogressivo indebolimentomuscolare e danni cerebrali.

Charlie viene ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra, centro pediatrico. Qui i medici lo attaccano a dei macchinari che gli consentono di respirare ed assorbire sostanze nutritive, inoltre lo sottopongono alle terapie previste dal protocollo sanitario che non portano a risultati positivi.

I genitori, Connie e Chris, tentano allora il tutto per tutto e si danno a un’estenuante ricerca su internet per trovare una cura a loro figlio. Si imbattono in una terapia sperimentale disponibile negli Stati Uniti. Un barlume di speranza, subito però soffocato dai medici del Gosh.

Questi ultimi, infatti, negano l’autorizzazione necessaria ai genitori per trasferire il piccolo in un altro ospedale. Per i camici bianchi inglesi, essendo Charlie “inguaribile”, il suo “miglior interesse” è l’eutanasia.

La coppia decide allora di portare il caso in tribunale.

Anche i magistrati, tuttavia, siallineano ai medici. In tre mesi,da aprile a giugno, collezionanouna ridda di sentenze negative,nelle corti britanniche e anchenella Corte europea dei dirittiumani.

È a questo punto che il “caso Charlie” travalica i confini britannici e solleva una mobilitazione internazionale.

Veglie di preghiera, manifestazioni, raccolte di firme smuovono le coscienze di grandi personalità. Il presidente Donald Trump offre la cittadinanza statunitense al piccolo per consentirgli di essere curato con la terapia sperimentale oltreoceano, mentre Papa Francesco esprime vicinanza ai genitori del piccolo.

Fa seguito alle parole del Pontefice l’intervento dell’ospedale vaticano Bambino Gesù, che decide di aprire un canale di dialogo con il Gosh e con la mamma di Charlie per sondare un’alternativa all’eutanasia. Il nosocomio romano fa da collante a un gruppo internazionale di medici, che prepara un documento in grado di mettere in luce nuove evidenze scientifiche sulla possibilità di cura di forme patologiche analoghe.

Il testo viene fatto recapitare ai vertici del Gosh, che lo analizzano e decidono di riaprire la questione passando ancora la palla alla Corte Suprema. Il destino di Charlie torna dunque a dipendere da quanto deciso nelle aule di tribunale.

Nel corso del nuovo processo - nel quale interviene anche il medico statunitense che offre una possibile cura – avviene tuttavia l’inopinato: i genitori del bambino abbandonano la battaglia legale e rimettono tutto nelle mani dei medici del Gosh, già pronti a staccare le spine che tengono in vita Charlie. È così che il 28 luglio - in una clinica privata poiché viene impedito di far morire il piccolo a casa - a Charlie Gard vengono sfilati i tubi dal naso che gli permettevano di vivere.

È lecito sospettare che il piccolo sia stato vittima di abbandono terapeutico. Al Gosh non si è nemmeno provato a curare Charlie, forse perché la sua vita debilitata è ritenuta da quei medici indegna di essere vissuta. I trattamenti proposti negli Stati Uniti, provati su bambini con patologie diverse ma simili, potevano essere utili, come ha dimostrato anche il documento firmato dal Bambino Gesù.

Piuttosto, si è preferito sbarazzarsi della questione staccando le spine. Un atto, quello dei medici, che ha cagionato direttamente e intenzionalmente la morte del bambino. Ecco perché è eutanasia, decisa per giunta da un ospedale pubblico: eutanasia di Stato.

FONTERivista Voglio Vivere, N°50, Ottobre 2017

Pagina 2 di 7

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!