Resta collegato

Notizie

Nota di Redazione: proponiamo di seguito la traduzione di un articolo americano sul dibattito circa la liceità o meno del suicidio assistito e dell’eutanasia. Mutatis mutandis, questi dieci punti possono essere applicati perfettamente anche alla realtà italiana e europea. 

di Ben Broussard

 Ecco la prima ragione.


1. Il suicidio assistito trasforma i medici in assassini

L’Associazione Medica Americana rifiuta il suicidio assistito nei seguenti termini:

Permettere ai medici di partecipare a un suicidio assistito potrebbe causare più male che bene. Il suicidio medicalmente assistito è fondamentalmente incompatibile con il ruolo del medico come guaritore, sarebbe difficile o impossibile da controllare e potrebbe comportare gravi rischi sociali”.

2. Il suicidio assistito mette in pericolo i più deboli e più vulnerabili

Ovunque il suicidio assistito sia stato già legalizzato, le misure di salvaguardia per proteggere i malati si sono rivelate inadeguate, annacquate o eliminate nel corso del tempo. Le persone che meritano l'aiuto della società vengono invece trattate come beni mobili alle quali dare la morte.

 

3. Le leggi sul suicidio assistito danno l'approvazione della società a uccidere

La legislazione che permette alle persone di porre fine alla propria vita crea automaticamente incentivi per cercare la morte come opzione di risparmio dei costi. Gli anziani e gli infermi sono visti come un peso e possono essere facilmente smaltiti. Il suicidio diventa la via più facile.

4. Chiamiamolo per quello che è: un suicidio

Sotto il falso pretesto della 'compassione' vengono utilizzati tutti i tipi di eufemismo per far passare questa pericolosa legge in America - frasi come "aiuto a morire", "opzioni di fine vita" e "morte dignitosa". Ma è inutile girare intorno alla verità: queste leggi permettono ai medici di somministrare farmaci progettati per facilitare il suicidio. Cosa ancora più insidiosa, i farmaci letali sono falsamente etichettati come "farmaco", mentre sono progettati per fare l'esatto opposto di qualsiasi vera medicina.

5. Le leggi sul suicidio assistito sono ingiuste nei confronti delle persone disabili

La stragrande maggioranza di coloro che richiedono il suicidio assistito in Oregon non l’ha fatto a causa del dolore, ma per la perdita delle capacità funzionali. La mentalità che giustifica la pratica del suicidio assistito identifica la disabilità con una "perdita di dignità". Ma, ogni giorno, migliaia di disabili americani si basano su l'aiuto di terzi, senza alcuna perdita di dignità.


6. La leggi sul suicidio assistito portano all'eutanasia

L'eutanasia, definita come "la pratica di porre fine intenzionalmente a una vita, al fine di eliminare il dolore e la sofferenza," è arrivata, ovunque, subito dopo l’emanazione delle leggi sul suicidio assistito. Diversamente dalla persona sofferente che richiede il suicidio assistito, l'eutanasia è amministrata da altri, con o senza il consenso del paziente. Il Dottor Herbert Hendin ha scritto sul Psychiatric Times un riassunto di quello che è successo nei Paesi Bassi:

I Paesi Bassi sono progressivamente scivolati dal suicidio assistito all'eutanasia, dall'eutanasia per i malati terminali a quella per i malati cronici, dall'eutanasia per malattia fisica all'eutanasia per disagio psicologico e dall’eutanasia volontaria all'eutanasia involontaria (denominata ‘cessazione del paziente senza esplicita richiesta’).

Di fatto, gli olandesi oggi uccidono i pazienti e i bambini nati con deformità.

7. Le leggi sul suicidio assistito mettono i poveri a rischio

Quanti sono senza risorse economiche sono quelli più a rischio nei confronti di questa legge pericolosa. Il suicidio diventa l'alternativa a basso costo per i poveri che non possono permettersi cure costose e farmaci. Approvando la legge sul suicidio assistito, lo Stato prende interesse a promuovere il suicidio dei suoi cittadini, al fine di risparmiare denaro. In realtà, molte compagnie di assicurazione favoriscono anche il suicidio assistito, perché fa risparmiare loro un sacco di soldi.

8. Fa pressioni sul morente affinché ponga fine alla propria vita

Quelli che affrontano una malattia terminale sono spinti a prendere la via più facile. Il "non essere un fardello" diventa una potente tentazione per porre fine alla propria vita. Invece di coltivare il tramonto della vita, gli ultimi momenti di una persona malata terminale sono deliberatamente abbreviati. Le leggi di questo tipo permettono anche ai parenti e ai familiari di uccidere al fine di accedere all’eredità e di approfittare della situazione.


9. 3,4 milioni di infermieri si oppongono al suicidio assistito

L'Associazione Americana degli Infermieri, che rappresenta 3,4 milioni di infermieri, ha chiaramente affermato che:


"... L'infermiere non dovrebbe partecipare al suicidio assistito. Tale atto viola il Codice degli infermieri [...] e le tradizioni etiche della professione."

10. Le leggi sul suicidio assistito sono contro la legge di Dio

La pratica del suicidio va contro il 5 ° comandamento: "Non uccidere". Questo comandamento proibisce l'omicidio di se stessi o l'uccisione altrui. Lo Stato non ha il diritto di approvare leggi contrarie alla legge morale e divina. E tutte le persone di buona volontà devono respingere con fermezza il suicidio assistito e difendere la moralità e la retta ragione.


Sapete qual è la differenza tra civiltà e barbarie? La differenza è il rispetto della legge naturale. Anche i pagani sapevano quanto la legge naturale fosse radicata nella nostra natura umana razionale. Tendiamo a fare il bene ed evitare il male.

Così, per uccidere se stessi o per "aiutare" un'altra persona a uccidersi, frantumiamo tale principio fondamentale del diritto naturale e apriamo la strada a una nuova "età della pietra" del ‘cane mangia cane’ ferocemente barbarica.

E - come dimostra la storia - il divario tra "suicidio assistito" e suicidio obbligatorio può essere molto stretto. Chi può garantire che legalizzare oggi il "suicidio assistito" non prepari la strada a una nuova versione dei forni crematori di Auschwitz domani?

FONTE: TFP Student Action - 3 Maggio 2016

di Federico Catani

Ora che alla Camera si è iniziato a discutere di eutanasia e testamento biologico, giunge quanto mai utile l’iniziativa dell’associazione Generazione Voglio Vivere, che ha pubblicato e iniziato a distribuire ai suoi associati l’opuscolo Eutanasia e Suicidio Assistito. Il volto dietro la maschera.

Un testo il cui scopo è informare e confutare le tante menzogne che si dicono sul tema. I propugnatori della “cultura della morte” infatti, ricorrendo ad un linguaggio mistificatorio, manipolano l’opinione pubblica e tentano con ogni mezzo di celare la verità.

Per poter affrontare in maniera equilibrata il discorso sull’eutanasia innanzi tutto occorre chiarire i termini ed usare la razionalità, lasciando da parte il sentimentalismo. L’ordinamento giuridico, infatti, non si fonda né si occupa di affetti ed emozioni (e questo vale ovviamente anche per gli pseudo-matrimoni gay tanto cari a Renzi ed Alfano).

Premesso ciò, come ricorda la pubblicazione di Generazione Voglio Vivere, vi sono tre grandi miti da sfatare.

1. In Italia si registrano già migliaia di suicidi ed eutanasie clandestine: ergo, è necessaria una legge che regoli la situazione esistente ed escluda ogni abuso. Tutto ciò però è falso. Si tratta infatti di palese manipolazione dei dati statistici (si fece lo stesso con l’aborto). Non solo, si confondono anche i termini della questione, pasticciando tra le definizioni di eutanasia e di accanimento terapeutico: le presunte eutanasie altro non sarebbero che sospensioni di cure ormai inutili e sproporzionate. Peraltro, anche fosse tutto vero, è bene ricordare come il diritto serva a indicare ciò che deve essere e non quanto accade fattualmente. Ci sono tanti furti e tanti omicidi, ma nessuno si sogna di proporre una norma che regoli il diritto a rubare e ad ammazzare!

2. Il valore assoluto dell’autodeterminazione del paziente. Ma come misurare l’autodeterminazione? Chi può garantire che il paziente non sia oggetto di pressioni psicologiche e condizionamenti vari? Come si può asserire con assoluta certezza che è in grado di compiere una scelta così importante con piena libertà? Inoltre in tutto questo non si svilisce il ruolo del medico e la sua autonomia professionale? Il medico non può diventare mero esecutore della volontà del suo paziente. Se avesse il potere di togliere la vita (cosa peraltro in totale contrasto col giuramento di Ippocrate), diventerebbe un arbitro che può decidere, con tutti gli errori di valutazione del caso, chi è degno di vivere e chi no, aprendo scenari davvero inquietanti.

3. Una buona legge sull’eutanasia impedirà ogni abuso. Falso. Infatti nei Paesi dove è possibile “morire degnamente”, non solo il numero dei suicidi aumenta, ma ci si può ammazzare od essere ammazzati senza limiti e per qualunque problema. Come abbiamo scritto tante volte e come sostenuto da medici autorevoli come l’olandese Theo Boer, docente all’Università di Utrecht (un convertito alla cultura della vita), basta una piccola falla nella diga per far crollare tutto, secondo il principio del “piano inclinato”. Se la vita perde il suo valore e la sua dignità intrinseci, tutto è ammesso, tutto è possibile. E così basta una depressione, un dispiacere, un piccolo malessere per ritenere la propria esistenza inutile e dunque chiedere ed ottenere la cosiddetta “dolce morte”. Anche perché in ballo c’è il denaro: eliminare i malati costa meno che curarli e che investire nelle cure palliative. Sì, lo Stato con l’eutanasia risparmia! Anni e anni di lotte per uno “Stato sociale” e questi sono i risultati?

Nei Paesi Bassi il numero di morti per eutanasia è in costante aumento e riguarda anche i bambini e quanti non sono capaci di intendere e di volere, con buona pace dell’autodeterminazione del paziente. E senza che si incorra in alcuna sanzione. I medici che abusano del loro ruolo, infatti, raramente finiscono davanti alla legge e, quando capita, sono prosciolti. Stesso discorso vale per il Belgio, dove i casi di eutanasia, rispetto al 2003, sono aumentati del 600%, sancendo in pratica il diritto del medico di uccidere quando lo ritenga opportuno. La Svizzera non è da meno e il suicidio assistito è permesso tranquillamente anche a chi è “stanco di vivere”. In Oregon (USA) e in Canada, poi, c’è una situazione particolare. I ricchi possono permettersi le cure palliative. Ai poveri, invece, si raccomanda il suicidio assistito, perché non hanno denaro sufficiente per pagare la terapia del dolore. Incredibile ma vero. E questa sarebbe giustizia?

A proposito di cure palliative, l’Italia si è attivata a riguardo solo nel 2010, con la legge n. 38 concernente “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Ma finora i risultati stentano a farsi sentire. Non sarebbe allora meglio applicare la norma anziché occuparsi di eutanasia? Oltretutto, come dimostra l’approccio psicoterapeutico della Dignity Therapy, è dimostrato che generalmente il malato che dà un senso alla sua sofferenza e che viene assistito con amore, non chiede di morire. Una legge che consentisse l’eutanasia, invece, non eserciterebbe sul paziente un’indebita pressione perché chieda di essere tolto di mezzo in quanto rappresenta un peso per i familiari e un costo per la Sanità pubblica?

Insomma, a chi vuole avere chiari e semplici argomenti per la buona battaglia contro l’eutanasia di Stato consigliamo caldamente l’opuscolo che qui abbiamo rapidamente commentato. Per richiederlo, cliccare qui oppure scrivere a info@generazionevogliovivere.it 

FONTE: Notizie Pro Vita

di Leonard Przybysz

 

Per iniziativa dell’Instytut na rzecz Kultury Prawnej Ordo Iuris (Istituto di Cultura Legale Ordo Iuris), vicino alle TFP (Associazione Tradizione Famiglia Proprietà, ndr), è stata lanciata in Polonia una vasta campagna pubblica per l’introduzione del divieto totale dell’aborto. L’iniziativa, chiamata “Stop all’aborto”, è promossa da un comitato ad hoc del quale, oltre a Ordo Iuris, fanno parte altre realtà pro-famiglia. L’iniziativa conta anche sul validissimo appoggio dell’episcopato nazionale.

L’appello dei vescovi polacchi “a garantire una piena tutela legale dei non ancora nati” e a modificare in tal senso l’attuale normativa ha fatto breccia nel mondo politico e nel governo di centro-destra.

La premier polacca, Beata Szydlo, si è detta a favore di una proibizione totale dell’aborto nel suo Paese. “Appoggio questa iniziativa”, ha dichiarato parlando alla radio pubblica polacca facendo riferimento al movimento cittadino “Stop all’aborto” che ha già raccolto più di 150mila firme per proporre un cambiamento della legge.

Scontata la reazione dell’Unione Europea. “Noi come socialisti ci opponiamo a questa forma di oscurantismo di un’altra epoca” ha dichiarato Gianni Pittella, leader dei Socialisti democratici, in palese contraddizione con lo stesso nome del suo gruppo parlamentare. Insomma, o “democrazia” significa rispetto per l’opinione altrui, oppure siamo in dittatura. Altroché oscurantismo…

Disegno di legge

L’Istituto Ordo Iuris ha preparato un disegno di legge, con la rispettiva giustificazione giuridica, consegnato il 14 marzo al presidente della camera bassa del Parlamento polacco, insieme a una petizione alla Commissione di affari costituzionali presentando l’iniziativa “Stop all’aborto”, tesa a modificare la legge del 7 gennaio 1993, relativa alla pianificazione famigliare, la protezione del feto umano e le condizioni per l’interruzione consentita della gravidanza. La petizione chiede inoltre di modificare il codice penale del 6 giugno 1997.

Il progetto si basa sulla protezione della vita umana dal momento del concepimento, e sul principio di risolvere qualsiasi dubbio in materia a favore di tale tutela: In dubio pro vita humana. Entrambi i principi derivano dal sistema giuridico polacco, e sono stabiliti dal Tribunale costituzionale polacco.

Gli autori citano anche la Dichiarazione dei diritti dell’infanzia, e la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia. Questa prevede che i bambini, a causa della mancanza di maturità fisica e mentale, hanno bisogno di protezione e di cure, compresa un’adeguata protezione giuridica, prima e dopo la nascita.

Il progetto proposto da Ordo Iuris stabilisce che tutti i bambini, prima e dopo la nascita, hanno gli stessi diritti alla protezione della propria vita e della salute. Il progetto intende cancellare le tre circostanze in cui l’attuale legislazione permette di eseguire l’aborto. L’iniziativa impone inoltre allo Stato di sostenere le famiglie che allevano i figli portatori di handicap, e i bambini concepiti in circostanze legate alla commissione di un reato.

L’iniziativa ha coinvolto una serie di organizzazioni, tra cui la Fondazione per il diritto alla vita, il Centro di sostegno a Iniziative per la Vita e la Famiglia, la Fondazione Vita, e l’Istituto Piotr Skarga (TFP polacca).

La campagna lanciata da Ordo Iuris sta raccogliendo firme in tutto il Paese. Dietro suggerimento dei vescovi, nelle Messe dominicali i sacerdoti stanno leggendo un comunicato che sprona i fedeli a partecipare alla campagna, per ottenere il divieto totale dell’aborto in Polonia.

Disinformazione

Recentemente, alcuni giornalisti e social media hanno erroneamente suggerito che il progetto di Ordo Iuris porterebbe in prigione le donne che abortiscono in modo spontaneo, e quindi involontario. Essi sostengono anche, a torto, che i medici non saranno più in grado di salvare la vita delle donne, a causa della protezione eccessiva del nascituro.

In primo luogo, secondo il disegno di legge, una donna non potrà mai essere ritenuta responsabile per un aborto spontaneo, e quindi involontario. A questo riguardo, il progetto non cambia nulla rispetto all’attuale legislazione. Inoltre, anche se una madre dovesse privare deliberatamente della vita il suo bambino concepito, sarà il Giudice a decidere se rinunciare o meno alla punizione, nel caso vi siano circostanze attenuanti. La pena è rivolta, prima di tutto, a coloro che eseguono l’aborto, forniscono alla donna risorse abortive, o la costringono con forza ad abortire.

In secondo luogo, il disegno di legge chiarisce che i medici sono autorizzati a intraprendere qualsiasi trattamento medico necessario per salvare la vita della madre, anche se possono portare a conseguenze fatali per il bambino (ad esempio, nel caso di una gravidanza ectopica). Quando le donne devono affrontare la scelta di sacrificare la propria vita o salvare quella del bambino nascituro, spetta a loro di prendere la decisione finale.

È inoltre falsa l’accusa fatta da taluni giornalisti che il disegno di legge negherebbe ai genitori il diritto di effettuare test prenatali. La giustificazione del progetto stabilisce chiaramente: “L’accesso ai test prenatali è garantito dalla legislazione che disciplina l’accesso ai servizi medici”.

L’esempio della Polonia potrà essere seguito da altri Paesi, aprendo dunque la via per l’eradicazione della piaga dell’aborto in Europa.

FONTE: www.atfp.it

Migliaia di persone alla Marcia per la Vita e la Famiglia 

Movimenti laici e religiosi insieme in corteo

 
A Palermo don Fortunato Di Noto, il pastore Gioacchino Porrello e Massimo Gandolfini
 
 
PALERMO, 15 MAGGIO. Dalle associazioni pro vita ai gruppi scout, dalla comunità pentecostale a cittadini arrivati anche in pullman. In migliaia ieri hanno attraversato il centro della città per la Marcia per la Vita e la Famiglia. Hanno preso parte al corteo 94 tra associazioni e movimenti religiosi e laici. Un fiume di gente ha percorso l’asse di via Libertà - Ruggiero Settimo, occupando di fatto l’intera carreggiata da piazza Crispi (piazza Croci) a piazza Politeama. Bandiere, canti e slogan hanno accompagnato il corteo colorato. 
 
Ad aprire la manifestazione Diego Torre, portavoce del Forum “Vita Famiglia Educazione”. “Siamo qui – ha detto Torre - per difendere valori fondamentali e per richiamare l’attenzione della politica sulla famiglia e sulla vita. Non possiamo più continuare a rimanere in silenzio di fronte a chi continua a ignorare i diritti più basilari dei cittadini”. Sul palco anche il pastore della Chiesa pentecostale “Parola della Grazia” Gioacchino Porrello: “Tutto quello che Dio inventa e disegna è eterno. Dio ha creato la famiglia. E la famiglia non si deve toccare. Vedo tanti giovani che vogliono un futuro migliore e che il disegno di Dio vada avanti”. Don Fortunato Di Noto, presidente dell'associazione Meter, ha sottolineato che “distruggere la famiglia è una precisa scelta ideologica. Mi spaventa - ha detto don Di Noto - che tutto diventi ideologia. Tutto rischia di diventare un concetto antropologico: dalla famiglia al rispetto dei bambini”. Presente anche Massimo Gandolfini, portavoce nazionale del comitato “Difendiamo i nostri figli”, organizzatore del “Family day” del 30 gennaio scorso a Roma. “C’è una lobby internazionale che vorrebbe una colonizzazione ideologica anche in Italia. Siamo stufi di essere la maggioranza silenziosa. Dobbiamo diventare una cittadinanza attiva. Tutti noi siamo chiamati a partecipare a questa missione”.
 
Al termine della marcia, si è svolta la Festa della Famiglia, in piazza Verdi di fronte al teatro Massimo, con mimiche, canti e distribuzione della focaccia, simbolo quotidiano e semplice della realtà familiare. Il Forum "Vita Famiglia Educazione" ha anche presentato una piattaforma di richieste concrete alle istituzioni e alla classe politica.
 
Ufficio stampa
Giovanni Villino
Venerdì, 13 Maggio 2016 16:08

Eutanasia e predazione di organi

In un articolo recentemente apparso sul Journal of Medical Ethics un gruppo di ricercatori ha sostenuto la necessità, per i pazienti che hanno richiesto il suicidio assistito, di annullare la legislazione che consente la donazione degli organi solo a morte avvenuta.
 
Jan Bollen, ricercatore alla Facoltà di medicina dell’Università di Maastricht, propone che i medici possano, per garantire i trapianti, prelevare gli organi su pazienti vivi che abbiano chiesto legalmente l’eutanasia in paesi come il Belgio o l’Olanda. L’autore della proposta sostiene che, poiché il paziente ha optato per la ‘dolce’ morte, non vale la pena attendere l’arresto cardiaco per effettuare il prelievo considerando che questo ritardo provoca un deterioramento dei tessuti.
 
Gli autori portano ad esempio il Belgio, dove vige la regola del “consenso presunto” per l’espianto: quando tre medici convengono sulla dichiarazione di morte di un paziente (che però ancora è vivo) al medico curante è legalmente consentito espiantarne gli organi, anche senza un’espressa dichiarazione di volontà del soggetto interessato.
 
Ovviamente la proposta è stata camuffata da una finta volontà di migliorare la qualità della vita dei riceventi. Infatti, con la mentalità pro-eutanasia che ormai dilaga nel nord Europa, prendere questa strada significherà considerare tutti i “sofferenti” come potenziali fornitori di organi. Più che una donazione si tratterebbe  di una vera e propria predazione!

Cerca

Ritrovaci su Facebook

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Console Debug Joomla!