fbpx

Resta collegato

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Giovedì, 11 Novembre 2021 12:09

L’Italia sta affrontando una catastrofe “umanitaria”!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

In Italia, a dispetto dei numeri ufficiali, si uccidono ancora tantissimi bambini innocenti.

Lo abbiamo dimostrato in una comunicazione precedente commentando l’ultima Relazione del Ministro della Salute sull’attuazione della Legge 194.

I dati, come ricorderai, non tengono infatti conto degli aborti resi “invisibili” dai cosiddetti contraccettivi di emergenza.

Tra pillole “del giorno dopo” (Norlevo) e “dei cinque giorni dopo” (EllaOne), ne sono state distribuite nel solo 2019 oltre mezzo milione.

È una tragedia contro cui ci battiamo ogni giorno e che presto o tardi, se non cambieremo strada, spopolerà la nostra cara Italia.

Su questo, gli ultimi dati demografici sono spaventosi.

Ne ha parlato un lungo e interessante articolo apparso recentemente su La Lettura, supplemento culturale all’edizione domenicale del Corriere della Sera (1).
 
Nel 2008 le nascite in Italia erano 577 mila. Alla fine di quest’anno ne avremo 190.000 in meno…

Un trend negativo che peggiora di anno in anno…

Un problema talmente sottovalutato che persino nel Pnrr non si trova traccia di alcun manovra di argine a questa catastrofe.

Evidentemente per il governo di Mario Draghi le emergenze, vere o presunte, sono altre.

Roberto Volpi, autore del pezzo, commenta così la situazione del Bel Paese:

"la popolazione italiana è preda di una pulsione suicida della quale non è evidentemente cosciente, ma che agisce come un agente sotto copertura nel profondo delle sue viscere che sono fin troppo facilmente infiltrate da misture fatali di ingenuità e calcolo, di inavvertenza e cinismo."

Una pulsione suicida che oggi è aumentata dall’esitazione delle giovani generazioni di fronte alla procreazione per paura dell’apocalisse climatica.

Praticamente, per paura di crescere un figlio in un mondo che certa propaganda dipinge come al capolinea, si preferisce l’autoestinzione!

Negli Usa, secondo un sondaggio del Social Science Research Network, il 39% dei diecimila intervistati – appartenenti alla Generazione Z – sposa la posizione sopra descritta (2).

Per non parlare del netto aumento dei giovani che si sottopongono volontariamente a vasectomie e sterilizzazioni tubariche – cioè permanenti – entro i trent’anni (3).

Ma non sono gli Stati Uniti quelli messi peggio, bensì noi.

L’Italia è infatti l’ultimo Paese al mondo per numero di nascite per mille abitanti.

E sottolineo l’aggettivo ultimo.

Volpi conosce bene i numeri e non ha paura di dire quello una verità sconcertante:

L’Italia sarà tra i primi Paesi al mondo a sperimentare che cos’è il tramonto di una popolazione.

Forse non è troppo tardi per ricordarsene, nel Pnrr o al di là di esso.

Tocca in primis a noi riaccendere quel fuoco di amore per la vita che da sola ci permette di superare ogni avversità.

Perché dove c’è vita, e vita in abbondanza, la morte non hai mai l’ultima parola ma diviene una compagna di cammino naturale, senza però prendere mai il sopravento.

Aiutaci a ricordare queste verità a più persone possibili finanziando oggi stesso le attività di Generazione Voglio Vivere.

Le giovani generazioni hanno bisogno che qualcuno li svegli dall’ipnosi nella quale le hanno fatte cadere.

Samuele Maniscalco
Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere

 

Note

1.    Roberto Volpi, Le nascite dal 2008: un terzo in meno – La Lettura 31 ottobre 2021.

2.    Marianna Tognini, E vissero per sempre senza figli e contenti – RollingStone, 1 novembre 2021.

3.    Idem ibidem

 

Letto 82 volte Ultima modifica il Giovedì, 18 Novembre 2021 16:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

e aiutaci a portare avanti la nostra campagna per la Vita!