fbpx
Stampa questa pagina
Mercoledì, 16 Marzo 2022 12:46

L’Oms chiede più aborto!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

L'Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente pubblicato delle nuove linee guida sull’aborto.

Ovviamente sono pessime.

Col pretesto di proteggere la salute delle donne e aiutare a prevenire oltre 25 milioni di aborti non sicuri annuali, causa presumibilmente di circa 39mila decessi, l’Oms ha affermato che le restrizioni non riducono il numero di aborti ma ne aumentano i rischi.

"Raccomandiamo che le donne e le ragazze possano accedere ai servizi di aborto e di pianificazione familiare quando ne hanno bisogno", ha dichiarato Craig Lissner, funzionario dell'ente.

Le restrizioni da eliminare sarebbero "criminalizzazione, tempi di attesa obbligatori, imposizione del consenso di altre persone - coniugi o familiari - o di istituzioni, divieto d'aborto oltre un certo stadio della gravidanza".

Praticamente si sta chiedendo di rendere l’aborto legale sempre e comunque – magari anche al nono mese. E pure l’infanticidio se si dovesse fallire nell’intento! - e, in fondo, di criminalizzare chi provasse a far desistere dall’aborto o a lottare per renderlo illegale.

"L'evidenza è chiara: se si vogliono prevenire gravidanze indesiderate e aborti non sicuri, è necessario fornire alle donne e alle ragazze un pacchetto completo di educazione sessuale, informazioni e servizi accurati sulla pianificazione familiare e l'accesso a cure di qualità per l'aborto", ha affermato la dott.ssa Bela Ganatra, capo dell'Unità per la prevenzione dell'aborto pericoloso dell'OMS.

Di quali evidenze stia parlando la dott.ssa Ganatra non sappiamo.

Quelle a noi note sull’aborto sono tutte nefaste.

Potete consultarle sulle nostre pubblicazioni di maggior risonanza: “50 Domande e Risposte sull’aborto”“50 Domande e Risposte sul Post Aborto”.

Il sottinteso di tutta questa faccenda – se proprio vogliamo dirlo - è che l’educazione dei nostri figli debba essere esclusivamente appannaggio dello Stato e, perché no, di entità sovranazionali che di certo negli ultimi anni di pandemia non hanno brillato per trasparenza e indipendenza.

 

 

Samuele Maniscalco
Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere

 

Letto 346 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Marzo 2022 12:50