fbpx

Resta collegato

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Martedì, 22 Marzo 2022 12:10

Down, un genocidio nascosto!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Lo scorso 21 marzo si è celebrata la giornata Onu della sindrome di Down al motto di "inclusione significa".

Un appuntamento internazionale nato vent’anni fa per diffondere maggiore consapevolezza e conoscenza della sindrome di Down, ma anche per creare una “nuova cultura della diversità” e promuovere il rispetto e l’inclusione nella società di tutte le persone affette da trisomia 21.

Ma i dati mostrano spaventosamente che sulle persone affette da questa sindrome è stata compiuta una selezione umana attraverso l'aborto: da 27 a 10 ogni 10mila nati.

Parlare perciò di “inclusione” per le persone con sindrome di Down suona grottesco.

La Nuova Bussola Quotidiana ha riportato a riguardo alcuni informazioni raccapriccianti:

«I dati per Stato sono impressionanti: rispetto alle stime previste in Spagna sono nati l’83 per cento di bambini con la sindrome di Down in meno, in Italia il 71 per cento in meno. In Danimarca la riduzione è stata del 79 per cento: qui, in un Paese egualitario ed “inclusivo”, sono nati soltanto 18 bambini Down in tutto, incredibilmente sfuggiti alle selezioni eugenetiche».

Oggi i giovani Down possono vivere in modo molto più indipendente e godere di un’aspettativa di vita simile a quella del resto della popolazione. E godono pure di una inclusione sociale anni fa inimmaginabile.

«Ma potrebbe essere l’ultima fortunata generazione di persone Down. Il futuro prossimo è quello di una loro scomparsa, come l’estinzione di una specie. L’obiettivo delle istituzioni politiche è quello di avere dei Paesi “Down-Free”, liberati da questa presenza che evidentemente è particolarmente fastidiosa».

È l’incubo di una umanità selezionata su criteri genetici, dove organismi internazionali decidono chi ha diritto di vivere e di morire.

Giusta quindi questa Giornata Internazionale per difendere i diritti delle persone con trisomia 21 già nate, ma è anche assolutamente prioritario difendere il loro diritto alla vita.

Che è quello che Generazione Voglio Vivere fa da anni. E grazie al sostegno e alla generosità di persone come te.

Insieme abbiamo combattuto e continueremo a combattere questa imprescindibile battaglia.

 

 

Samuele Maniscalco
Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere

 

Letto 349 volte Ultima modifica il Martedì, 22 Marzo 2022 12:14

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

e aiutaci a portare avanti la nostra campagna per la Vita!