fbpx

Resta collegato

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Giovedì, 27 Ottobre 2022 15:35

Assalto abortista agli Universitari per la Vita!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

La scorsa settimana un gruppo di Universitari per la Vita, chiedendo regolare autorizzazione alla Questura, ha svolto un volantinaggio in Piazzale Aldo Moro, davanti all’entrata dell’Università Sapienza di Roma.

Per la prima ora e mezza tutto si è svolto in maniera più o meno tranquilla, eccettuato il fatto che alcuni studenti, increduli, hanno strappato i volantini in faccia in segno di totale disprezzo.

Quando si dice essere persone con un’apertura mentale...

Ad un quarto d’ora dalla fine, una ventina di persone di un collettivo femminista si sono presentate con un manifesto “Fuori gli antiabortisti dall’università” e megafoni alla mano, intimando ai giovani pro life, con fare minaccioso, di andarsene seduta stante da lì, come se l’università fosse una loro proprietà.

Per queste femministe non può esistere un pensiero alternativo sull’aborto: il solo fatto che esso esista è per loro una minaccia inaccettabile che mette in discussione un dogma assoluto e, dunque, chiunque osi anche solo sollevare un’obiezione deve essere distrutto, letteralmente.

Se non fosse intervenuta la Polizia, probabilmente ci sarebbe stata un’aggressione anche fisica e non solo verbale.

«Ora, è chiaro che il loro proliferare e imperversare è dovuto al silenzio che c’è sul tema: se la verità fosse gridata dai tetti, urlare che sopprimere innocenti è un “diritto” non sarebbe nemmeno lontanamente concepibile!» hanno giustamente commentato gli aggrediti sul loro sito internet con un articolo.

«Ci hanno detto frasi come “se l’inferno esiste, sarete proprio voi ad andarci”, oppure “voi non potete stare qui perché plagiate le menti degli studenti”. (…) Solo chi è nel vortice perverso dell’irrazionalità può affermare che nel grembo materno non c’è un essere umano».

I metodi di questi abortisti richiamano quelli dei regimi totalitari, nei quali ogni voce di dissenso deve essere necessariamente soppressa per permettere che essi rimangano in piedi.

«Possono attaccare noi, possono anche farlo in maniera reiterata, ma non ci stancheremo mai di dire la verità. Noi non ci fermeremo fintanto che il delitto dell’aborto non sarà definitivamente fermato, così come le leggi ingiuste che lo incentivano e sostengono».

Onore ai questi giovani e al loro coraggio cui va tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno.

 

 

Samuele Maniscalco
Responsabile Campagna Generazione Voglio Vivere

 

Letto 117 volte Ultima modifica il Lunedì, 24 Ottobre 2022 15:42

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

e aiutaci a portare avanti la nostra campagna per la Vita!