fbpx

Resta collegato

Unisciti a noi!

Aiutaci a portare avanti la Campagna Voglio Vivere sostenendo le nostre iniziative a favore della vita!

Samuele Maniscalco

Samuele Maniscalco

 

Un giudice dello Stato dell’Arizona ha preso una decisione storica contro l’aborto.

Ha praticamente ripristinato il divieto del 1864!

La misura vieta l’aborto dopo la 15° settimana, anche in caso di stupro o incesto, e prevede il carcere fino a cinque anni per chi aiuti una donna ad abortire.

Non si tratta, dunque, un divieto totale ma sicuramente di una bella sterzata a favore della vita!

 

Dopo gli Stati Uniti ora anche l’Ungheria vuole tutelare maggiormente i bambini non ancora nati cercando di scoraggiare le donne che vogliono ricorrere all’aborto.

La notizia l’ha riportata Il Mattino, ovviamente con toni apocalittici.

Il titolo del pezzo è già tutto un programma: Aborto in Ungheria, la stretta di Orban: le donne dovranno ascoltare il battito del cuore del feto. Esulta l'estrema destra”.

Il governo di Viktor Orban ha infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale ungherese una nuova norma che rende obbligatorio per i medici presentare alle donne la prova «chiaramente identificabile delle funzioni vitali del feto». In altre parole un'ecografia del cuore.

Giovedì, 15 Settembre 2022 11:15

Sentenza shock: vietato mostrare i bambini down!

 

Piccoli e grandi affetti da Sindrome di Down non possono sorridere, né apparire felici quando lo sono.

È il volere dello Stato francese, condivisa dalla Corte Europea dei Diritti Umani.

Una sconcertante decisione del 1° settembre che dà ragione al governo contro un video trasmesso in tv dalla Fondazione Lejeune per rassicurare le donne incinte sull'accoglienza dei bambini con Sindrome di Down.

Uno scandalo!

 

Devo darti una grande notizia: arginare la piaga dell’aborto è possibile!

Lo dimostra la Polonia.

Recenti dati provenienti dal Paese dell’Europa dell’Est , infatti, attestano che nel 2021 gli aborti legali sono diminuiti del 90% rispetto all’anno precedente.

In termini assoluti, si è passati da 1076 aborti ufficiali del 2020 a 107.

 

Papa Giovanni Paolo II, nell’enciclica Evangelium Vitae, ribadendo il magistero cattolico e il diritto naturale, asserì che «l’aborto e l’eutanasia sono crimini che nessuna legge umana può pretendere di legittimare».

Ciò significa, senza ombra di dubbio, che ogni cattolico non può che considerare una legge come la 194 del 1978, che ha depenalizzato l’aborto in Italia, un abominio.

Ogni cattolico, nessuno escluso.

 

Nel mondo di oggi nessuno Stato può permettersi di disattendere l’agenda abortista, pena la stigmatizzazione della comunità internazionale.

È quanto accaduto recentemente al Regno Unito.

Il governo guidato da Boris Johnson nei mesi scorsi ha organizzato una conferenza sulla libertà di religione e di credo dalla quale è scaturito un documento firmato da oltre venti Paesi.

 

"gutta cavat lapidem", la goccia scava la pietra.

Così dicevano gli antichi Latini.

Questo detto vale anche per noi nel 2022? Vale per la nostra battaglia di sensibilizzazione contro l’aborto?

Ma certo! Basterebbe leggere solo alcune delle testimonianze che sto per riportarti…

Giovedì, 04 Agosto 2022 10:00

Le cliniche abortiste non vanno in vacanza!

 

Ci siamo, le vacanze estive sono alle porte.

Ma sai chi non andrà in ferie?

Le cliniche che praticano l’aborto!

Dunque, nemmeno noi possiamo andare completamente in vacanza…

Lunedì, 15 Agosto 2022 10:00

Assunta in Cielo!

 

Con fiducia e speranza, elevando i nostri occhi alla Vergine Santissima perché continui ad ascoltare le nostre richieste e sempre ci aiuti a vincere tutte le difficoltà quotidiane, in modo particolare quelle contro la vita nascente, l’intera famiglia di Generazione Voglio Vivere ti augura una Santa Festa dell’Assunta.

Affidiamoci alla Vergine Maria, che già ci precede in corpo e anima in Paradiso, perché tutti i nostri sforzi contro l’aborto abbiamo successo.

 

La gravidanza è un qualcosa per la quale bisogna pregare? Possiamo pregare per il dono di avere un figlio?

La risposta è sì, senza ombra di dubbio!

E gli esempi non mancano...

Pagina 1 di 5

e aiutaci a portare avanti la nostra campagna per la Vita!